Vai al contenuto

L’azzeruolo, conosci questo frutto raro e le sue proprietà? 3 ricette top!

Siamo in autunno, una stagione fresca ma non fredda, che porta tanti frutti, alcuni noti (cachi, castagne, melograno, uva, cc) ed altri meno noti (kiwano, pineberry, guava, ecc). Oggi vi parleremo dell’azzeruolo, un frutto molto particolare, originario dell’Est asiatico che ha trovato posto anche nel nostro Paese e che si raccoglie a mano in questa stagione. Guardate quali sono le caratteristiche e le proprietà di questo frutto!

L’azzeruolo, parente di mele, pere, ciliegie e pesche

L’azzeruolo è un frutto che appartiene alla famiglia delle Rosacee, la stessa di mele, pere, ciliegie e pesche. Ha una forma simile a una piccola mela, ma con un colore che può variare dal bianco al giallo al rosso. Il suo sapore è agrodolce e la sua polpa è carnosa e succosa. Si può mangiare fresco o usare per preparare succhi, marmellate, torte e altri dolci.

talea di azzeruolo
talea di azzeruolo

Da dove proviene l’azzeruolo?

L’azzeruolo è originario dell’Asia centrale, ma si è diffuso nel bacino del Mediterraneo e in alcune regioni italiane, come la Sicilia, la Liguria e la Toscana. L’azzeruolo è una pianta longeva e resistente, che può vivere anche centinaia di anni. Ha un portamento eretto e spinoso, con foglie verdi e fiori bianchi. I frutti maturano tra agosto e ottobre e si raccolgono a mano.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

Le proprietà benefiche dell’azzeruolo

L’azzeruolo è una fonte naturale di vitamina C, che rafforza il sistema immunitario e contrasta i raffreddori. Contiene anche vitamina A, che favorisce la salute della pelle, delle mucose e della vista. Inoltre, ha proprietà antiossidanti, depurative, diuretiche e ipotensive. Si tratta di un frutto minore, che oggi è poco conosciuto e consumato, ma che forse merita di essere riscoperto per il suo gusto e i suoi benefici. Che ne pensate?

azzeruolo

Ricette con l’azzeruolo

Per farvi entrare in confidenza con questo frutto, abbiamo preparato 4 ricette facilissime che non vi deluderanno. guardate con noi!

il liquore di azzeruole

Iniziate lavando e tagliando le azzeruole ed eliminando i semi centrali. Inserire la frutta (tagliata a pezzi) con l’alcol in un contenitore di vetro a chiusura ermetica. Fate riposare per 20 giorni circa in un luogo scuro, agitate ogni 5 gg. Trascorso tale periodo di tempo, filtrare e aggiungere lo sciroppo preparato, e poi fatto raffreddare, con 1/2 lt di acqua e 400 gr di zucchero. Versare in una bottiglia in cui si possono aggiungere uno o due frutti interi. Lasciare riposare il liquore per 30 giorni, in un luogo fresco e al buio, prima di essere servito freddo.

La confettura di azzeruole con e senza malto di riso

La confettura di azzeruole semplice si prepara lessando i frutti in acqua, passandoli al setaccio e aggiungendo zucchero e vaniglia. Si ottiene così una marmellata dal profumo vigoroso e dal gusto equilibrato tra l’acidulo e il dolce.

La confettura di azzeruole con malto di riso si prepara lessando i frutti in acqua, passandoli al setaccio e aggiungendo malto di riso. Si ottiene così una marmellata più leggera e naturale, adatta anche ai diabetici

Continua dopo gli annunci…

La quiche lorraine con azzeruole

La quiche lorraine con azzeruole si prepara stendendo una pasta brisée in una tortiera imburrata, coprendola con uno strato di formaggio grattugiato, uno di prosciutto cotto a dadini e uno di azzeruole tagliate a metà. Si versa sopra una miscela di uova sbattute con panna, sale, pepe e noce moscata. Si inforna a 180°C per circa 30 minuti o fino a che la superficie non sarà dorata.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.