Vai al contenuto

Quello che succede al tuo corpo quando mangi pane tutti i giorni

Vi piace il pane? E a chi non piace? Non è un alimento che piace o non piace. Si mangia e punto. Ovunque andiamo, è presente: nei panifici, nei ristoranti, al bar…. impossibile non notarlo. Il fatto è che dobbiamo imparare a mangiare la quantità e la tipologia di pane giusta per il nostro organismo.

Negli ultimi anni la popolarità del pane è stata messa alla prova dall’emergere di diete a basso contenuto di carboidrati e dalla cucina senza glutine. Ingiustamente. Di fatto, ci sono centinaia di varietà di questo cibo immancabile, ma non tutte fanno bene al nostro organismo. Vediamo come possiamo consumare correttamente questo prodotto a cui in tanti attribuiscono un senso religioso.

pane
pane

L’importanza dei carboidrati

Nonostante la loro reputazione, non sempre positiva, i carboidrati non sono nemici della salute. Sono tra le migliori fonti d’energia per le cellule che compongono il nostro corpo. E che dire del nostro cervello? Che funziona alimentandosi principalmente di glucosio, ovvero la forma più semplificata dei carboidrati? Se pensiamo che una fetta di pane contiene mediamente 15 g di carboidrati, è logico concludere che, mangiando un pezzo di pane regolarmente, possiamo potenziare le attività del nostro organismo.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

Il pane nella dieta e i suoi effetti

Il pane è, senz’altro, un alimento molto comune nella dieta italiana. Tuttavia non è sempre benefico per la salute. Di fatto, può fare aumentare l’indice di glicemia nel nostro organismo, soprattutto se si tratta di pane bianco, che contiene carboidrati semplici, i quali vengono assorbiti rapidamente dal sangue, provocando l’innalzamento dello zucchero. Di fatto, secondo Harvard Health, questi picchi di zuccheri nel sangue dovuti al consumo di cibi ad alto indice glicemico, possono far aumentare il rischio di diabete, malattie cardiovascolari ed aumento di peso. Inoltre, possono danneggiare il nostro microbioma (la colonia di batteri presenti nell’intestino).

Poiché un microbioma in salute ed efficiente è ricco di benefici per la salute (da una migliore salute mentale ad una riduzione del rischio di malattie cardiache), sarebbe quantomeno auspicabile scegliere pane integrale al posto del bianco almeno la metà delle volte.

Di fatto, il pane bianco ha poche fibre, che sono importanti per la salute dell’intestino e dei batteri benefici che lo popolano. E una carenza di fibre può causare stitichezza, infiammazione e alterazione della flora intestinale.

Ma non è tutto perso. Vediamo come ricorrere al pane integrale o ai cereali. Ci sono molteplici alternative!

Il pane integrale come alternativa

Il pane integrale, contrariamente al pane bianco, apporta dei benefici al cuore, grazie alle fibre e agli antiossidanti in esso contenuti. Mangiato a piccole dosi, il pane integrale aiuterà a ridurre il colesterolo cattivo e la pressione arteriosa, inoltre, può contribuire a fortificare le ossa, poiché contiene calcio, magnesio e fosforo, minerali essenziali per la salute delle ossa.

pane integrale
pane integrale

In generale è corretto ritenere che, mentre il pane integrale, grazie ad i suoi carboidrati complessi e più sazianti, vi manterrà più sazi più a lungo, consumare pane bianco con equilibrio e moderatamente non saboterà senz’altro la vostra dieta. Sempre equilibrata.

Il pane, consumato con moderazione e poco sale

Anche il pane integrale deve esere consumato con moderazione e deve essere bilanciato con altri alimenti, come proteine, verdure e grassi buoni. Dovete poi evitare di abbinare diverse fonti di carboidrati insieme nello stesso pasto, come pane e pasta o pane e patate.

Un accorgimento per rendere il pane più digeribile è tostarlo. Se lo fate, vedrete che diventerà più croccante e facile da digerire, perché il tostapane riduce l’umidità e ne aumenta il sapore. Inoltre, poiché il pane tostato sazia di più, avrete voglia di mangiare di meno.

Continua dopo gli annunci…

Evitate di condire il pane con sale, burro, formaggi grassi o salumi. Abbondate invece con olio extravergine di oliva, pomodoro fresco, verdure grigliate, prosciutto crudo magro o formaggi freschi. Il vostro corpo e il vostro palato ringrazieranno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.