Vai al contenuto

Cibi fermentati, un toccasana per il sistema immunitario

Conoscete il kimchi e il kombucha, vero? Sono originari dell’estremo Oriente, ma sono diventati di moda in tutto il mondo, anche se la fermentazione dei cibi non è una novità. Tale processo, infatti, veniva utilizzato per conservare i cibi freschi quando non c’erano i frigoriferi, insieme al sale. Oggi vi parleremo di questo: dei cibi fermentati e del loro potere benefico per il nostro organismo. Come vedrete, i cibi fermentati sono degli alleati preziosi per la salute e il benessere.

kimchi
kimchi

Kimchi e kombucha, dall’Oriente con Amore

Il kimchi aiuta i coreani a essere longevi

Il kimchi è il piatto nazionale della Corea del Sud ed è un alimento base della maggior parte dei pasti. Si ottiene facendo fermentare il cavolo in una salsa piccante. Se non fosse un prodotto salutare non si comprenderebbe come la Corea del Sud vanti una delle aspettative di vita più lunghe al mondo (82,6 anni). Infatti, si prevede che entro il 2030 i sudcoreani potrebbero avere un’aspettativa di vita di 90 anni. Non può che essere complice la loro dieta, di solito ricca di cibi fermentati e povera di zuccheri. 

Il kombucha può servire anche a creare abiti senza cuciture

Il kombucha è un tè fermentato diventato popolare anche in Europa. Risale a 2000 anni fa e appartiene alla tradizione cinese. Il Kombucha è naturalmente frizzante! Può anche essere fermentato una seconda volta, il che provoca il rilascio di gas da parte degli zuccheri. Il kombucha essiccato è fatto di cellulosa microbica. Ha una consistenza coriacea, che può essere lavorata per creare abiti senza cuciture!

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

I cibi fermentati e le loro proprietà benefiche

I cibi fermentati sono alimenti che hanno subito un processo biochimico in cui i microrganismi, come i lieviti e i batteri, trasformano gli zuccheri o gli amminoacidi presenti nel cibo in acido lattico, alcol o altre sostanze. Questo processo serve a conservare il cibo, a migliorarne il sapore e la digeribilità, e ad aumentarne il valore nutrizionale. La fermentazione del lievito è una parte essenziale di molti dei nostri prodotti preferiti come il pane e la birra.

Le proprietà benefiche dei cibi fermentati

I cibi fermentati hanno molti benefici per la salute. Tra questi:

  1. Migliorano la digestione: i cibi fermentati sono pre-digeriti dai microrganismi e contengono enzimi che aiutano a spezzare il cibo nell’intestino
  2. Rafforzano il sistema immunitario perché contengono probiotici (batteri “buoni” ) che equilibrano la flora intestinale e proteggono da infezioni e infiammazioni
  3. Prevengono i disturbi intestinali: questa tipologia di cibo può contrastare la diarrea, la stitichezza, la sindrome dell’intestino irritabile e altre patologie intestinali grazie alla caratteristica azione regolatrice
  4. Apportano vitamine e minerali. I cibi fermentati sono fonti di vitamine del gruppo B, C, K,e contengono acido folico, calcio, ferro, zinco e altri micronutrienti essenziali.

La differenza tra cibo fermentato e cibo marcio

La base dei cibi fermentati è cibo troppo vecchio o maturo per essere consumato così com’è. Ma c’è una differenza fondamentale tra il cibo fermentato e il cibo marcio: quando il cibo marcisce, viene essenzialmente distrutto dai batteri. Il cibo fermentato si ottiene con batteri benefici e non diventa pericoloso. Di fatto, il cibo crudo aumenta il suo valore nutrizionale quando fermentato. Acquisisce vitamine, minerali, batteri salutari e enzimi vivi.

Continua dopo gli annunci…
cibi fermentati
cibi fermentati

I cibi fermentati più caratteristici e più comuni

Ci sono molti tipi di cibi fermentati che possiamo trovare in diverse culture e tradizioni. Ad esempio:

  • Yogurt: un prodotto lattiero-caseario ottenuto dalla fermentazione del latte con batteri lattici. È ricco di proteine, calcio, vitamina B12 e probiotici
  • Crauti: sono cavoli tagliati a pezzi e lasciati fermentare con sale in un contenitore chiuso. Sono una fonte di vitamina C, fibre, ferro e antiossidanti. Generalmente si crede che i crauti siano un piatto tedesco, ma in realtà risalgono all’antica Cina. Gli storici credono che Gengis Khan abbia introdotto il cavolo fermentato in Europa
  • Miso: una pasta aromatica ottenuta dalla fermentazione della soia con cereali e sale marino. È usata come condimento nella cucina giapponese e cinese. Contiene proteine, vitamine del gruppo B, zinco e probiotici
  • Kefir: una bevanda fermentata a base di latte o acqua con granuli di kefir, che sono colonie di microrganismi simili allo yogurt. Ha un sapore acidulo e frizzante. È benefico per l’intestino, il sistema immunitario e la salute delle ossa e aiuta a dormire perché contiene triptofano, lo stesso aminoacido che rende stanchi dopo aver mangiato un pasto pesante a base di carne
  • Kimchi: un piatto tipico coreano a base di verdure speziate e fermentate, come cavoli, ravanelli, cetrioli e cipollotti. Ha un sapore piccante e salato. È ricco di vitamina A, C, K, ferro e probiotici (batteri buoni che aiutano a ripristinare l’equilibrio batterico).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.