Vai al contenuto

Ginepro, foglie aghiformi e bacche sferiche piene di gusto

Avete mai assaggiato le bacche di ginepro? Hanno un profumo intenso! Sapete che è la pianta che ha dato origine al gin nel secolo XVII? Sapete che questa pianta esiste da oltre 50 milioni di anni? E’ proprio così. Era presente già ai tempi dei dinosauri. Inoltre, ha un ruolo simbolico in molte culture: nella mitologia greca era associata al dio Apollo; nella tradizione cristiana diede riparo alla Sacra Famiglia durante la fuga in Egitto; nella cultura celtica era il simbolo della rinascita e della purificazione. Tutto questo è il ginepro. Ma non solo. E’ un concentrato di profumi, proprietà benefiche e resine pregiate. Scopriamo questa pianta assieme!

La pianta di ginepro, sempreverde aghiforme

Il ginepro è una pianta sempreverde della famiglia delle Cupressacee. Ha foglie aghiformi, ovvero a forma di ago, e produce delle bacche di colore blu scuro che sono usate in cucina e in erboristeria. Le bacche di ginepro hanno un sapore aromatico e intenso, che si sposa bene con le carni, i formaggi e i liquori. Hanno anche delle proprietà benefiche per la salute, come: azione antiossidante, antinfiammatoria e antimicrobica.

ginepro bacche
ginepro bacche

Dove cresce il ginepro e quante tipologie ci sono?

I ginepri crescono in diversi ambienti e climi, ma prediligono i terreni aridi, sassosi e permeabili. In Italia, si possono trovare diverse specie di ginepro, tra cui:

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

  • Il ginepro comune (Juniperus communis), che si trova in tutta la penisola, dalle zone costiere fino alle località montane. Ha un portamento cespuglioso o conico e produce delle bacche azzurro-nerastre usate in cucina e in erboristeria;
  • Il ginepro nano (Juniperus communis var. saxatilis o Juniperus nana), che si incontra nelle zone alpine e appenniniche, dove forma dei cuscini striscianti e prostrati. Ha delle bacche più piccole e meno aromatiche del ginepro comune;
  • Il ginepro fenicio (Juniperus phoenicea), che vegeta esclusivamente nel Mediterraneo occidentale, tra il livello del mare e i 1800 metri, ma eccezionalmente può spingersi anche fino a 2400 metri. Ha un portamento arbustivo o arboreo e produce delle bacche rosse o nere;
  • Il ginepro rosso (Juniperus oxycedrus), che si trova nel Mediterraneo centro-orientale, soprattutto nelle zone collinari e montane. Ha un portamento arbustivo o arboreo e produce delle bacche rosse o nere;
  • Il ginepro coccolone (Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa), che si trova nelle zone costiere del Mediterraneo occidentale, dove forma dei cespugli bassi e spinosi. Ha delle bacche grandi e carnose, di colore verde o bluastro;
  • Il ginepro sabina (Juniperus sabina), che si trova nell’Europa orientale e in Russia, dove cresce in zone aride e rocciose. Ha un portamento arbustivo o arboreo e produce delle bacche verdi o brune. È una pianta velenosa per l’uomo e gli animali.

Quali sono le proprietà benefiche delle bacche di ginepro?

Il ginepro ha molte proprietà benefiche per la salute, grazie ai suoi principi attivi come l’olio essenziale, i flavonoidi e le resine. Come abbiamo detto, produce un’azione antiossidante, antinfiammatoria, antimicrobica, diuretica e digestiva. Può essere usato per trattare le infiammazioni delle vie urinarie, la gotta, l’arteriosclerosi, i disturbi mestruali e le infezioni respiratorie e si può assumere sotto forma di infuso, tintura o olio essenziale. Vediamo quali sono le proprietà più note delle bacche di ginepro:

Continua dopo gli annunci…
  • Hanno proprietà diuretiche
  • Riducono il gonfiore dell’intestino
  • Aiutano a digerire
  • Hanno proprietà anti infettive
  • Leniscono il mal di stomaco
  • Sono potenti antiossidanti
  • Combattono i funghi
  • Leniscono i dolori reumatici

Come si possono usare le bacche di ginepro in cucina? Alcune ricette

Le bacche di ginepro sono molto aromatiche e per questo si usano in cucina per insaporire diversi tipi di piatti, soprattutto a base di carne e pesce, ma non solo, perché stanno bene anche con le verdure e le castagne. E neanche dirlo, sono buone anche in brodi e salse. Alcuni modi per usare le bacche di ginepro in cucina sono:

  1. Per aromatizzare le carni rosse, come il cinghiale, il cervo o l’agnello, potete aggiungere alcune bacche di ginepro schiacciate al soffritto di cipolla, carota e sedano, oppure alla marinatura con vino rosso, aceto e spezie. Di fatto, conferiscono alle carni un sapore intenso;
  2. Per preparare un risotto con le bacche di ginepro, si possono tostare il riso e le bacche in una padella con burro e scalogno, poi sfumare con vino bianco e proseguire la cottura aggiungendo brodo vegetale. A fine cottura si aggiunge parmigiano grattugiato e si mescola bene. Il risotto con le bacche di ginepro è un piatto cremoso e profumato
  3. Per insaporire il pesce, come il salmone o il tonno, si possono usare le bacche di ginepro per preparare una salsa agrodolce. Fate bollire in un pentolino acqua, zucchero, aceto, sale e bacche di ginepro fino a ottenere una consistenza sciropposa. Versate la salsa sul pesce cotto al forno o alla griglia. Vedrete come la salsa esalterà il sapore del pesce con un contrasto dolce e aspro;
  4. Per dare un tocco originale alle verdure, come i cavoli o le patate, potete usare le bacche di ginepro per creare un condimento saporito. Tritate finemente le bacche di ginepro con aglio, prezzemolo e peperoncino. Scaldate dell’olio extravergine d’oliva in una padella e fate rosolare il trito per qualche minuto. Versate il condimento sulle verdure cotte al vapore o lessate. Il condimento con le bacche di ginepro dona alle verdure un gusto piccante e aromatico.
  5. Per fare un liquore. Utilizzate una tazza di bacche di ginepro per un litro di grappa e aggiungete 150 g di zucchero e 1 limone. Lasciate macerare le bacche di ginepro, lo zucchero e la scorza di limone nella grappa per ventuno giorni, sistemando gli ingredienti in un barattolo di vetro ben pulito e con chiusura ermetica. Agitate il barattolo durante la macerazione almeno tre volte al giorno. Al termine, filtrate, imbottigliate e lasciate riposare per cinque mesi prima di consumarlo.
bacche ginepro ricette
bacche ginepro ricette

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.