Vai al contenuto

Il formaggio di malga: fresco, saporito, naturale. Perché non andare a comprarlo personalmente?

Vi piace il formaggio? Qual è il vostro formaggio preferito? Vi piace di più quello stagionato o prediligete quello fresco? Se vi piace una via di mezzo, il post che abbiamo preparato oggi è perfetto per voi. Vi parleremo del formaggio di malga, che non è un prodotto fresco quanto la ricotta, ma è fatto con il latte crudo appena munto. Vi ispira questo formaggio fresco, saporito e naturale? Scopritelo con noi! E perché no? Sarebbe auspicabile andare personalmente ad acquistarlo in una malga, facendo un percorso a piedi. Più benefico di così non si può!

Il formaggio di malga, fatto con il latte appena munto

Il formaggio di malga è un formaggio prodotto in montagna, nelle malghe, con il latte crudo appena munto di vacche, pecore o capre che pascolano liberamente in altitudine. Ha un sapore intenso e aromatico, che varia in funzione delle erbe e dei fiori che mangiano gli animali. E’ anche ricco di nutrienti, come calcio, fosforo, vitamine e grassi insaturi, come vedremo.

formaggio di malga
formaggio di malga

Le varietà del formaggio di malga

Esistono diversi tipi di formaggio di malga, in funzione della regione di origine, della razza degli animali, del metodo di lavorazione e della stagionatura. Vi forniamo di seguito alcuni esempi:

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

  1. Il Montasio Dop, tipico del Friuli Venezia Giulia, che ha una pasta compatta e occhiata, di colore giallo paglierino. Ha un sapore dolce e delicato se fresco, più piccante e aromatico se stagionato;
  2. La Fontina Dop, tipica della Valle d’Aosta, che ha una pasta morbida e fondente, di colore giallo paglierino. Ha un sapore dolce e fruttato, con note di erba e nocciole;
  3. Il Bitto Dop, tipico della Lombardia, che ha una pasta dura e granulosa, di colore giallo paglierino. Ha un sapore intenso e persistente, con note di erba e fieno;
  4. Il Casolét, tipico del Trentino Alto Adige, che ha una pasta morbida e cremosa, di colore bianco. Ha un sapore delicato e leggermente acidulo, con note di latte e panna.
formaggio casolet
FOTO DALPEZ MALE’

Questi sono solo alcuni dei tanti formaggi di malga che si possono trovare in Italia.

La produzione del formaggio di malga

In origine i formaggi venivano prodotti direttamente nelle malghe. Oggi, dovuto alle difficoltà oggettive dei piccoli laboratori di montagna e dei vincoli per la commercializzazione, solo pochi produttori elaborano il formaggio in alpeggio. In alcuni casi, vengono trasportati a valle, nei locali per la stagionatura, 20 giorni circa dopo la mungitura del latte, mentre in altri casi viene prodotto direttamente a valle, dove i caseifici ricevono quotidianamente il latte che proviene da diverse malghe.

Tuttavia, in Friuli vi sono molte malghe ubicate in punti strategici della montagna che offrono agli escursionisti i propri prodotti fatti con il latte di mucca, tra cui il formaggio.

Il miglior periodo per gustare un buon formaggio di malga è l’estate, poiché le mucche pascolano libere nei prati, anche se è consentito produrlo in inverno, quando le mucche sono nelle stalle e mangiano fieno. Tuttavia, pur mantenendo una consistenza simile, il sapore è molto diverso.

I benefici del formaggio di malga per la salute

Il formaggio di malga ha molti benefici per l’organismo. Prima abbiamo accennato al potere nutritivo. Vediamo di seguito gli elementi che contiene:

  • Calcio, che contribuisce alla salute delle ossa e dei denti, alla coagulazione del sangue, alla contrazione muscolare e alla trasmissione degli impulsi nervosi;
  • Fosforo, che partecipa alla formazione delle ossa e dei denti, al metabolismo energetico, alla sintesi delle proteine e degli acidi nucleici e al mantenimento dell’equilibrio acido-base;
  • Vitamine, in particolare la vitamina A, che ha un ruolo nella visione, nella crescita, nella differenziazione cellulare e nella funzione immunitari, e la vitamina E, che ha un’azione antiossidante e protegge le membrane cellulari dallo stress ossidativo;
  • Grassi insaturi, che sono benefici per il sistema cardiovascolare, perché aiutano a ridurre il colesterolo cattivo (LDL) e ad aumentare quello buono (HDL).

Diversi valori nutrizionali in funzione della tipologia di formaggio

Quanto ai valori nutrizionali, essi cambiano in funzione del tipo di formaggio, poiché non tutti gli animali si cibano con gli stessi prodotti. Ad esempio, 100 grammi di formaggio di malga tipo Asiago apportano circa 263 calorie. Nella stessa quantità sono presenti, inoltre: 54,8 g di acqua, 21,3 g di lipidi, 17,3 g di proteine, 0,5 g di carboidrati, 0,22 mg di vitamina E, 202 mg di vitamina A. Se parliamo invece del formaggio di malga tipo Bitto, troveremo un apporto di circa 410 calorie e sono presenti 31 g di lipidi, 26 g di proteine e 1-1,2 g di calcio.

Continua dopo gli annunci…

Mangiare formaggio di malga con moderazione

Tuttavia, il formaggio di malga va consumato con moderazione, perché contiene anche grassi saturi, colesterolo e sodio, che possono essere dannosi per la salute se assunti in eccesso. Inoltre, può essere controindicato per chi soffre di intolleranza al lattosio o di allergia alle proteine del latte.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.