Vai al contenuto

Il jet lag, un disturbo da viaggio che si può combattere, come?

Vi piace viaggiare? Siete mai andati oltreoceano? Avete sofferto degli effetti del jet lag? Se state per partire e non ci avete pensato, ci sono alcuni accorgimenti che vi aiuteranno a mitigare i suoi effetti. Vediamo assieme quali sono gli effetti del jet lag e perché si produce. E’ strettamente legato al fuso orario.

Che cosa si intende per jet lag?

Il jet lag è un disturbo che si verifica quando si viaggia attraversando diversi fusi orari, causando una disarmonia tra il ritmo circadiano (ritmi di funzionamento quotidiani) del corpo e il ciclo luce-buio della destinazione. Il jet lag può provocare vari sintomi, come stanchezza, insonnia, mal di testa, nausea, irritabilità e difficoltà di concentrazione.

Il jet lag
Il jet lag

Il jet lag vincolato al fuso orario

Il fuso orario è una porzione della superficie terrestre compresa tra due meridiani, che adotta lo stesso orario per scopi legali, economici e sociali. Considerando la Terra come sferica, e considerando che la rotazione terrestre si compie in circa 24 ore, dividendo i 360° della rotazione per 24 si può immaginare la superficie sferica divisa in 24 “spicchi” di 15° l’uno, che vengono quindi percorsi in un’ora ciascuno. A questi spicchi si dà il nome di “fusi orari”, e si assume per convenzione che in tutto il fuso ci sia l’ora del meridiano centrale ad esso, quello che taglia il fuso esattamente a metà.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

Quando si viaggia in una zona dove il fuso orario è spostato di diverse ore rispetto al proprio accade il fenomeno del “jet lag

Il riferimento UTC per il fuso orario

Il riferimento per i fusi orari è il Tempo Coordinato Universale (UTC), che coincide a meno di approssimazioni infinitesimali con il tempo medio di Greenwich (GMT), il fuso orario del meridiano primo che passa attraverso l’Osservatorio reale di Greenwich, a Londra. Tutti gli altri fusi orari sono definiti relativamente all’UTC, con uno scostamento che può essere di un numero intero o frazionario di ore. Ad esempio, il fuso orario dell’Italia è UTC+1 quando è in vigore l’ora solare e UTC+2 quando è in vigore l’ora legale.

Accorgimenti per combattere il jet lag

Per combattere il jet lag, ci sono alcuni accorgimenti che si possono adottare prima, durante e dopo il viaggio.

Continua dopo gli annunci…
  1. Prima di partire, cercate di adeguare gradualmente il vostro orario del sonno e dei pasti a quello della destinazione, evitando di fare troppi cambiamenti improvvisi;
  2. Durante il volo, potete bere molta acqua per evitare la disidratazione, limitare il consumo di caffeina e alcolici, e seguire il ritmo del luogo di arrivo, dormendo o rimanendo svegli in funzione del caso;
  3. Dopo essere arrivati, cercate di esporre il corpo alla luce naturale durante il giorno e al buio durante la notte, per favorire la sincronizzazione dell’orologio biologico. Potete anche fare attività fisica moderata, ma non troppo vicino all’ora di andare a letto.

Farmaci o integratori per alleviare i sintomi

In alcuni casi, potete ricorrere a farmaci o integratori per alleviare i sintomi o facilitare l’adattamento al nuovo fuso orario. Tra questi, ci sono:

  1. I sonniferi, che possono aiutare ad addormentarsi più facilmente, ma che possono avere effetti collaterali e creare dipendenza;
  2. Un altro rimedio è la melatonina, un ormone che regola il ciclo sonno-veglia e che viene prodotto naturalmente dal corpo. La melatonina può essere assunta in forma sintetica per anticipare o ritardare l’ora di andare a dormire, in funzione della direzione del viaggio. Tuttavia, non è priva di controindicazioni e interazioni con altri farmaci. 
  3. Altri integratori o rimedi naturali che potrebbero essere utili sono la valeriana, la camomilla, la lavanda e il ginseng.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.