Vai al contenuto

La rivoluzione dello stretch, fasciate in due taglie in meno

Conoscete lo stretch? Eh sì, è l’indicativo di corpi fasciatissimi che equivalgono a due taglie in meno. Ed è così che questo tessuto ha fatto la rivoluzione. Lo sapevate? Non importa se siete magre o no, questa possibilità di vestirvi in una taglia “one size” vi darà soddisfazione. E se si percepisce qualche piccola protuberanza, non vi farete prendere dalle pare, vero? Perché la bellezza non è equivalente a magrezza, ma a style. Osate, senza paura. E piacetevi, sempre e comunque.

In che cosa consiste lo stretch?

Lo stretch è una caratteristica di alcuni tessuti che presentano la capacità di essere elasticizzati, cioè di allungarsi e ritornare alla forma originale senza deformarsi. L’effetto si ottiene aggiungendo al tessuto delle fibre sintetiche come l’elastomero, che conferiscono al tessuto maggiore flessibilità e adattabilità al corpo.

Può essere applicato a diversi tipi di tessuti, come il cotone, la lana, la seta, il raso, il denim ecc. Di fatto, ha diversi vantaggi in termini di comfort, vestibilità e stile. Intanto, permette di creare capi che si adattano meglio alle forme del corpo, che non si stropicciano facilmente e che offrono una maggiore libertà di movimento. Poi, è molto usato in moda per realizzare abiti, pantaloni, giacche, camicie, maglie e altri capi sia eleganti che casual. E per finire, non guasta che sia una tendenza che segue l’evoluzione della società e delle esigenze dei consumatori, sempre più attenti al benessere e alla praticità.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

strech
Stretch

L’avvento dei tessuti elasticizzati

Di fatto, la moda dei tessuti elasticizzati è stato un fenomeno che ha rivoluzionato l’abbigliamento, a partire dagli anni ’70 del secolo scorso. L’elastomero, che conferisce al tessuto la capacità di allungarsi e ritornare alla forma originale, non si usava fino ad allora. A partire da quel momento, sono proliferati i tessuti elasticizzati per creare capi che si adattano perfettamente al corpo, garantendo comfort, libertà di movimento e vestibilità. I tessuti elasticizzati sono perfetti per l’abbigliamento femminile, l’abbigliamento sportivo, i costumi di scena, la biancheria intima e i tessuti per la casa.

Carvico, la prima azienda italiana di tessuti elasticizzati

Una delle prime aziende italiane a produrre tessuti elasticizzati è stata Carvico, fondata nel 1962 da Giuseppe Colnaghi. Con l’avvento dell’elastomero, Carvico passò dalla produzione di tessuti a navetta al mondo dei tessuti indemagliabili elasticizzati, diventando pioniere e leader italiano del settore.

Il fenomeno dei fuseaux

Un altro capo che ha sfruttato le potenzialità dei tessuti elasticizzati è stato il fuseau, un pantalone affusolato e aderente, spesso dotato di un elastico sotto il piede per tenerlo teso. Il fuseau fu inventato negli anni ’30 come pantalone da sci, ma fu rilanciato negli anni ’50 dallo stilista Emilio Pucci, che lo rese un simbolo di eleganza e femminilità. Il fuseau fu indossato da star come Audrey Hepburn e Sophia Loren, e divenne popolare anche nell’ambito dell’abbigliamento sportivo e casual. Dai fuseaux derivano i leggings, pantaloni elasticizzati senza elastico sotto il piede.

Continua dopo gli annunci…

Le famose che indossano lo stretch; Kim Kardashian e la sua Skims

Artiste come Beyoncé, Rihanna, Lady Gaga o Kim Kardashian ci fanno credere che siamo immersi in una cultura di accettazione del corpo che speriamo possa essere reale. Del resto, l’ultima, influencer-designer, ha creato recentemente la sua prima linea di biancheria “astringente” SKIMS, in ogni tonalità. Il risultato? Sold-out! Di fatto, La psicologia dei tessuti elasticizzati, largamente accettati, ha consentito la produzione di induzmenti che possono essere adattati con facilità: “one size fits all” (una taglia veste tutti). Evviva!

skims kardashian
skims kardashian

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.