Vai al contenuto

La vasocottura, piatti sani e di effetto, 5 ricette

Avete mai provato la vasocottura? E’ senz’altro una tecnica perfetta per mangiare sano. Esistente da sempre, si è persa nel tempo con l’arrivo degli elettrodomestici moderni. Il forno, microonde e fornelli moderni hanno sostituito i vecchi metodi di cottura lenta. Tuttavia, negli ultimi anni il metodo della vasocottura è ritornato in voga (anche della mano di alcuni chef stellati) nel tentativo di preservare nutrienti e sapori naturali di alcuni prodotti che cotture prolungate e salse “chic” mettono a dura prova.

Gli chef che hanno promosso questa tipologia di cottura sono, tra gli altri, Montersino, Mometti, Tacchella e una foodblogger, Rosella Errante, pioniera della tecnica.

Rosella Errante

In che cosa consiste la vasocottura?

La vasocottura, nota anche come cottura a vapore in pentola o cottura in casseruola, è un metodo di cottura che utilizza il vapore generato all’interno di una pentola o di una casseruola per cuocere gli alimenti. Questo metodo è particolarmente adatto per cuocere delicatamente verdure, pesce e carne, preservando il sapore e i nutrienti degli ingredienti.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

Per cucinare si procede come per fare le conserve: si mettono tutti gli ingredienti all’interno di un vaso, si chiude e si cuoce nel microonde o sui fornelli a bagnomaria. Eventualmente, si può anche usare il forno ventilato ad una temperatura da 60° a 150° dopo avere usato l’accorgimento di mettere i barattoli dentro un contenitore di acqua.

Per avere un buon prodotto ottenuto con la tecnica della vasocottura è importante prestare attenzione al tempo di cottura e alla giusta quantità di acqua.

Alcuni prodotti, come funghi e patate non possono essere cotti utilizzando questo metodo.

Un metodo di cottura veloce

La vasocottura è un metodo ideale per i nostri tempi, perché consente di preparare il cibo in anticipo, riponendolo in frigo per consumarlo alla bisogna. I tempi di cottura sono molto veloci (soprattutto se usate il microonde) e avete la garanzia che gli alimenti avranno conservato tutti i nutrienti, senza che il sapore ne risenta. Inoltre, se scegliete un bel vasetto, potete portarlo a tavola così com’è. Sicuramente è una scelta di effetto.

Ma, quali sono i tempi di cottura? Dipende dal sistema che utilizziate. Vediamo.

Se avete un forno a microonde, in 6 minuti a 700-800 W potrete cuocere la vostra pietanza in vaso. Ricordatevi solo di inserire nel microonde i vasetti con tappo di vetro, perché il metallo non va bene.

Se volete usare il forno, in una pirofila sistemate i vasetti con 2 cm di acqua. Fate cuocere per 20 minuti a 60°-80°.

Se preferite la tecnica a bagnomaria, dovrete utilizzare un contenitore da riempire fino ai 2/3; dovrete cuocere i vasetti per 15 minuti circa, separando i vasi perché non si tocchino tra loro.

Dopo la cottura, i vasetti devono essere capovolti. Attendete qualche minuto prima di aprirli perché sprigioneranno vapore.

Alcune ricette utilizzando la tecnica della vasocottura

Vi forniamo di seguito alcune ricette che potete eseguire utilizzando questa tecnica. Sono collaudate e semplicissime. Provatele e fateci sapere se hanno funzionato. Non ve ne pentirete

5 ricette: 1 antipasto, 2 primi, 1 secondo e 1 dolce

Pollo al limone in vasocottura

pollo al limone in vasocottura

Zuppa di fave e pancetta in vasocottura al microonde

Cheesecake menta e cacao senza lattosio in vasocottura al microonde

Lenticchie allo zenzero e foglie di lime in vasocottura

Continua dopo gli annunci…

MERLUZZO ALLA SICILIANA CON VASOCOTTURA IN MICROONDE

merluzzo alla siciliana in vasocottura

1 commento su “La vasocottura, piatti sani e di effetto, 5 ricette”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.