Vai al contenuto

“Outdoor Sport” e l’impennata di Google Trends, quali sono le tendenze più note?

Apparentemente, l’avventura all’aria aperta attira: probabilmente, il termine in inglese rende bene l’idea di questo tipo di pratica che promette una vita attiva e stimolante. In Italia, la Lombardia è la Regione che ha digitato più spesso su “Google Trends” le parole “outdoor sport”, con un notevole picco nei primi giorni del 2023, probabilmente con la complicità dell’anno nuovo e dei buoni propositi.

Quello che ci ha davvero sorpreso è scoprire che la ricerca di sport all’aria aperta è in crescita in tutto il mondo e, se si tratta di fitness, la richiesta di lezioni all’aperto è aumentata del 200%.

I motivi della ricerca di spazi naturali per praticare sport

I motivi per cercare spazi naturali dove praticare il proprio sport preferito risponde a diverse esigenze. Da un lato, il cambiamento climatico ha addolcito le temperature in moltissime città, consentendo la pratica delle attività all’aperto. Da un altro, la pandemia di Covid-19 ha contribuito a far riflettere sull’importanza della natura nel nostro benessere. Di fatto, come abbiamo potuto vedere, ci sono stati tantissimi episodi di esodo postpandemico verso i centri rurali.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

Ad esempio, recentemente vi abbiamo parlato della disciplina del plogging, un’attività sostenibile concentrata sulla pratica di sport in spazi all’aperto prendendoci cura del nostro l’ambiente. E sappiamo che ci sono sempre più addetti.

L’Italia e gli altri Paesi “outdoor friendly”

La piattaforma britannica Live Rugby Tickets ha valutato diversi parametri dei paesi europei per stilare una classifica dei più attraenti per le attività all’aperto. Alcuni indicatori presi in considerazione sono: le ore di sole al giorno (in media), le temperature, il vento, l’umidità, i pollini e il numero di sentieri. Ed è subito podio per l’Italia, terza classificata dopo la Spagna e la Francia. Il punteggio più alto lo hanno ottenuto le ore di sole al giorno, come si può intuire.

Le variabili da considerare per praticare attività all’aperto

La specialista in cardiologia dell’Istituto di Medicina dello Sport di Torino, dott.ssa Paola Lussardi, fornise alcune indicazioni sugli elementi che possono favorire o danneggiare la pratica dello sport all’aria aperta. La dottoressa dice: “siamo un Paese dalle temperature miti, con molte ore di Sole e in gran parte circondato da mare; significa che una grande parte della popolazione si dovrebbe abituare a vivere sin dall’infanzia gli spazi naturali con naturalezza. La componente fisica e ludica incentiva l’attività sportiva

Tuttavia la cardiologa introduce alcuni elementi che dovremmo considerare quando pratichiamo sport all’aperto. Ad esempio, il tasso di umidità dovrebbe essere intorno al 50%; poi, anche la variabile vento è importante, perché sarà un elemento positivo se allontana l’umidità, mentre sarà negativo se diminuisce l’idratazione. Per di più, anche se è noto che l’esposizione al sole va benissimo per la sintesi della Vitamina D, per l’umore e per la regolazione del sonno, è importante utilizzare creme solari con il filtro adeguato, per non andare incontro a edemi solari e consentire la necessaria traspirazione della pelle.

Continua dopo gli annunci…

Gli sport più comuni che si praticano all’aperto

Moltissimi sport si possono praticare all’aria aperta tanto quanto in un ambiente chiuso. Alcuni si possono praticare esclusivamente all’interno (in una palestra) e altri solo all’esterno (sci), ma spesso si potranno adattare attività indoor anche ad attività outdoor immerse nella natura (fitness). Le attività più comuni praticate all’aperto sono: Escursionismo e trekking, arrampicata, ciclismo, sport acquatici (surf, kayak, canottaggio, vela), jogging, plogging, sci, snowboard.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.