Vai al contenuto

Shadow Work: gestisci il lato oscuro

Dentro di noi c’è sia luce che ombra e questo è stato sempre chiaro a coloro che studiano la psiche umana. Quello che non tutti sanno è che esiste lo Shadow Work è possibile, una strada per crescere come essere umano nonostante le ombre.

Ci sono diverse strade per la propria crescita personale e ottenere il benessere interiore, una di queste è spesso trascurata e si tratta del poco noto Shadow Work, o lavoro sull’ombra. È stato Carl Gustav Jung il primo a coniare questo termine e si riferisce all’esplorazione e all’integrazione di aspetti nascosti e bui della personalità di ognuno di noi.

Cos’è lo Shadow Work?

In parole povere e dirette, lo Shadow Work è un processo interiore in cui ci si confronta con alcune parti nascoste e represse del proprio essere. Queste parti sono spesso nascoste, rimosse o represse e possono essere piene di pensieri, emozioni e comportamenti che, nella maggior parte dei casi, vengono considerati inopportuni. Facile capire i perché del termine “shadow”, ovvero ombra, si tratta di lati della personalità oscuri e nascosti che quasi nessuno riesce ad accettare e integrare nella vita quotidiana, è proprio questo l’obiettivo primario dello Shadow Work, riuscire ad accettare e integrare questi aspetti ombrosi della propria personalità.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

Perché è importante?

Così come tutte le tecniche di crescita interiore, anche il lavoro sull’ombra è particolarmente importante per il benessere psicologico. Tutto ciò che viene represso o nascosto nelle profondità del subconscio può emergere improvvisamente e creare scompiglio o peggio distruzione. Facendo un esempio si può prendere una persona che, inconsciamente, reprime la rabbia, è facile che possa arrabbiarsi o essere aggressivo senza motivo. Con un corretto Shadow Work si può comprendere meglio questa dinamica ed evitare che queste ombre possano influire negativamente sulla nostra vita.

Altri aspetti che rendono lo Shadow Work cruciale è che si può incrementare notevolmente l’autostima, la fiducia in se stessi e i rapporti interpersonali. Questo può avvenire perché accettare le imperfezioni aiuta la consapevolezza dei veri bisogni, di conseguenza si potrà vivere una vita soddisfacente e più autentica.

Come iniziare lo Shadow Work

Il primo passo per un corretto lavoro sull’ombra è l’osservazione di se stessi in modo onesto e oggettivo. Fatti delle domande su quali possano essere le emozioni o i comportamenti che tendi a nascondere o negare. Per aiutarti, puoi esplorare ricordi passati per capire quali possono essere stati gli episodi che hanno contribuito alla formazione dell’ombra. Tenere un diario può essere un aiuto per comprendere meglio le zone d’ombra del tuo essere. Ovviamente potrebbe rendersi necessaria una terapia con uno psicologo o comunque un esperto sullo Shadow Work per avere un supporto durante questo percorso.

Continua dopo gli annunci…

Potrebbe sembrarti stupido, ma parlare con la tua ombra potrebbe rivelarsi fondamentale. Prova ad aprire un dialogo con essa per cercare di capire il perché della sua creazione e cosa desidera comunicarti. Dovrai ascoltare con pazienza e senza giudicare. Puoi anche integrare la meditazione, questa pratica ti aiuterà a migliorare la consapevolezza di te stesso e delle tue emozioni, inoltre migliora il dialogo con l’ombra.

1 commento su “Shadow Work: gestisci il lato oscuro”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.