Vai al contenuto

Squat o affondi? Quale dei due allenamenti è più efficace per le gambe?

Quando vi allenate, prestate particolare attenzione alle gambe? Noi donne tendiamo ad accumulare maggiori inestetismi sulle gambe che su altre parti del corpo e l’allenamento corretto è importante per evitare di fare comparire i famosi “cuscinetti” e combattere l’antiestetica cellulite.

Squat e affondi, qual’è la differenza?

Gli squat e gli affondi sono esercizi che agiscono su tutti i muscoli anteriori e posteriori delle gambe. Gli squat sono svolti spesso con l’aiuto dei pesi, ma possono anche essere esercitati a corpo libero. Gli affondi agiscono sulla parte posteriore della gamba.

Squat, allenamento sulla parte inferiore del corpo

Lo squat è considerato “il re” degli esercizi, perché permette di rassodare e tonificare in modo completo gambe e glutei e, allo stesso tempo rinforzare addome e schiena. Quando si allena la parte inferiore del corpo, la prima scelta ricade quasi sempre sugli squat.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

Il movimento inizia da una posizione eretta. Si possono utilizzare manubri, una kettlebell o un bilanciere, poggiato saldamente sul trapezio stretto con le mani alla larghezza preferita. Il movimento comincia portando indietro i fianchi, piegando le ginocchia e abbassando il busto tenendolo sempre dritto, senza mai flettere la schiena, per poi tornare in posizione eretta.

Questo esercizio molto comune è assolutamente funzionale per la tonificazione di glutei e muscoli delle gambe anche se non è l’unico. Lo squat è un esercizio molto apprezzato perché supporta i movimenti regolari di accovacciamento, rafforzando tendini e legamenti. Inoltre, è perfetto per rafforzare l’anca. Tuttavia, si deve prestare attenzione anche ai glutei e ai muscoli posteriori della coscia per evitare uno squilibrio muscolare se si concentra troppa forza in quel punto della gamba.

Squat

Affondi, perfetti per rinforzare cosce e glutei

Gli affondi sono un esercizio per il rinforzo degli arti posteriori (cosce e glutei). Gli affondi consentono di migliorare il livello di forza fisica generale. Sono molto efficaci perché richiedono molta energia e coinvolgono molti muscoli. Di fatto, gli affondi scolpiscono le gambe meglio degli squat.

Con gli affondi si lavora su una gamba per volta; questo contribuisce a migliorare l’equilibrio. Gli affondi in avanti aiutano a compattare i glutei e i muscoli posteriori della coscia in modo efficace, consentendo di bilanciare la parte anteriore e posteriore della gamba.

Gli affondi sono molto funzionali rispetto ad altri esercizi per la parte inferiore del corpo, perché costringono ad effettuare dei movimenti in avanti. Addirittura, portano il soggetto che li pratica a mantenere una posizione corretta mentre cammina.

Tramite l’esercitazione con gli affondi si migliora la sensazione di equilibrio e la coordinazione generale, dato che agiscono su ogni lato del corpo in maniera specifica.

Continua dopo gli annunci…
Affondi

Il perfetto equilibrio tra squat e affondi; gambe e glutei ringraziano

Pertanto, per rendere le gambe più forti, i tecnici consigliano di inserire qualche affondo nel circuito d’allenamento, sostituendolo a un paio di serie di squat. In sintesi, squat e affondi sono esercizi perfetti per ridare compattezza a gambe poco toniche e conferire volume a glutei poco sviluppati. Nascono come allenamento per migliorare la forza dei quadricipiti e si sviluppano come esercizi più completi per allenare gli arti inferiori. Un abbinamento tra i due eviterà lo squilibrio muscolare, tonificherà le gambe e rassoderà e conferirà volume ai glutei.

1 commento su “Squat o affondi? Quale dei due allenamenti è più efficace per le gambe?”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.