Vai al contenuto

La vitamina C, per caricare le nostre difese (dove si trova realmente!)

Avete mai sentito parlare della vitamina C? Sicuramente sì. Ora che l’autunno si è insinuato nelle nostre vite, è giusto fare incetta di questa vitamina, perché ci aiuterà a prevenire raffreddori e altre malattie stagionali. Anzi, è proprio una carica per le nostre difese e il nostro sistema immunitario. E non è per niente difficile da raccattare! Basta mangiare un’arancia, una spremuta o un kiwi ed è fatta. Vediamo come funziona, dove si trova e quali sono i suoi benefici per il nostro organismo.

La vitamina C, essenziale per il nostro organismo

La vitamina C, o acido ascorbico, è una vitamina essenziale per il nostro organismo, che non è in grado di produrla e deve quindi assumerla con gli alimenti. La vitamina C ha molte funzioni importanti, tra cui:

  1. Contribuire al normale funzionamento del sistema immunitario, proteggendo le cellule dai danni causati dai radicali liberi e aumentando la resistenza alle infezioni;
  2. Partecipare alla sintesi del collagene, una proteina fondamentale per la salute di pelle, ossa, denti, gengive e vasi sanguigni;
  3. Favorire l’assorbimento del ferro di origine vegetale, prevenendo l’anemia da carenza di questo minerale;
  4. Sostenere la produzione di alcuni neurotrasmettitori, come la dopamina e la noradrenalina, che regolano l’umore, il sonno e la memoria.

Le fonti alimentari di vitamina C, frutta e verdura

Le principali fonti alimentari di vitamina C sono la frutta e la verdura fresche, in particolare gli agrumi, i kiwi, i peperoni, i cavoli, le fragole e i pomodori. La vitamina C è una sostanza molto sensibile al calore, alla luce e all’ossigeno, quindi tende a degradarsi con la conservazione e la cottura degli alimenti. Per preservarne al meglio il contenuto, è consigliabile consumare la frutta e la verdura crude o poco cotte, tagliarle poco prima di mangiarle e conservarle in luoghi freschi e bui.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

vitamina C
vitamina C

La quantità necessaria di vitamina C

La quantità giornaliera raccomandata di vitamina C varia in base all’età, al sesso e alle condizioni fisiologiche. In generale, si va da 35 milligrammi (mg) al giorno per i bambini da 1 a 3 anni a 130 mg al giorno per le donne che allattano. In caso di gravidanza, il fabbisogno “normale” aumenta a 100 mg al giorno.

Quali sono gli effetti di carenza o eccesso di vitamina C?

La carenza di vitamina C può provocare scorbuto, una malattia caratterizzata da sanguinamento delle gengive, perdita dei denti, anemia, debolezza muscolare e ritardo nella guarigione delle ferite. E’ una malattia molto rara nei paesi industrializzati, ma può colpire le persone che seguono diete molto povere di frutta e verdura o che hanno problemi di assorbimento intestinale.

Continua dopo gli annunci…

L’eccesso di vitamina C può provocare disturbi gastrointestinali, come nausea, diarrea e crampi addominali. Inoltre, dosi elevate di vitamina C possono interferire con alcuni farmaci o esami di laboratorio. Per questo motivo, non bisognerebbe assumere integratori di vitamina C senza il parere del medico.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.